Playtime 2016, tra curiosità, ricerca e creativita’: il mio momento di gioco.

‘Playtime’ è la ricreazione, il nostro intervallo a scuola, il momento di gioco per un bambino.
Cosa fa un bambino durante il tempo libero a scuola? Gioca, gioca a più non posso, o cerca di passare quel breve tempo a disposizione come più lo aggrada, in modo da riposare la mente, da distoglierla dalla concentrazione nell’apprendere. E il gioco per un bambino è tutto: sicurezza, apprendimento, eccitazione, logica, divertimento, concentrazione, creatività, fantasia, immaginazione e altro ancora.

Playtime racchiude tutto questo e io a Playtime ci sto bene come un bambino alla sua ricreazione, come un bambino nel suo momento di gioco, concentrato e creativo.
La mia seconda volta a Playtime Paris dove ho ritrovato lo stesso spirito entusiasmante, sospesa tra allegria, eccitazione e concentrazione.

Schermata 2016-02-10 alle 12.42.11

image

Grandi sorrisi, e volti che piano piano diventano familiari si identificano oramai nel marchio e si entra più in confidenza con la vera parte creativa. Mi piace passare di stand in stand ad osservare curiosa le novità dell’anno prossimo.

E di novità ce ne sono! Colori che oramai non sono solo per l’estate, comodità e tessuti di qualità, come la flanella in cotone organico. E poi? Ancora ‘boom’ dei marchi spagnoli, e sembra che la “Spagna abbia invaso la Francia”.
Molti marchi ispanici, sia nel abbigliamento che nel decòr. Belli, divertenti, creativi, d’ispirazione.

Un’ ampia sezione dedicata all’ organic for kids in continua espansione, tessuti in cotone felpato e più caldo per l’inverno, dai colori pastello alle nuance più scure, tutto centrato sulla qualità e sulla morbidezza.
In questo settore rimangono i miei preferiti: Gray Lable che propone una felpa ampia con cappuccio oversize, bellissima nel rosa; Bobo Choses e la sua collezione sempre pensata a far divertire i bambini dal tema ‘Come scomparire’; Noeser, tra i suoi capi mi conquistano i bloomers super morbidi e gli abitini con stampa ali d’angelo; Nadadelazos che propone una collezione tutta italiana con stampe pizza, pasta e pomarola, gondola e maschere veneziane; One we like, che non conoscevo, mi ha conquistato per la morbidezza del cotone e le sue stampe piene di grazia tra ballerine e polpi giganti. Le tute per il freddo di Annaliv con orecchie e codina imbottite in cotone organico, da impazzire!

image

image

Ci sono brand più classici sempre di qualità e in cotone organico come: Omibia, bellissima la collezione sopratutto per i suoi maglioni rigati in baby alpaca e per l’ abitino in flanella; Poudre organic, che propone una collezione di pochi pezzi con molte possibilità di abbinamento, dai colori caldi del senape e del verde bottiglia.

image

image

Per la lana il must è la lana merino e la baby alpaca. Tanti i marchi che propongono caldi maglioni merino, body e pigiami dalla tessitura fine, che lasciano respirare la pelle del bambino. Aumentano infatti i marchi che propongono lana di qualità, sia merino che baby alpaca, questo’ ultima, molto apprezzata per la sua leggerezza e le sue proprietà termiche.
In questa sezione si parla di: Esencia, Nui Merino, Ouef, Serendipity, Sisiouiouiyesyes, Waddler, Kalinka, Baby Alpaga, Minimalisma.

image

image

Abbandonata la sezione dell’ abbigliamento, con più o meno 300 marchi si passa all’home decor e la parte più frizzante e meno caotica, dove la mente si riposa un po’.
Tra i marchi segnalo, Camomille London e Cam Cam Copenhagen per la delicatezza nei colori e la qualità dei tessuti. Fenicotteri, pavoni e tucani nella collezione romantica di Scalae. I gessetti non polverosi di Jaq Jaq bird, le mensole in metallo con nuvolette e montagne di Tresxics, il bianco e nero di Chispum negli stickers, nei cuscini e nelle stampe.

junior_banner_CL013

3_Cam_Cam_Little_Gatherer_0

4942_cat_ADAPTA_470_470

Ovviamente questa è una mini selezione nella vastità di Playtime…

This is a tiny selection of the big world of Playtime Paris…

Playtime is funtime, a nice pause with no school and nothing to do, just have fun.
What does a child during free time at school? Play play play, making the most of what little freedom he has. Playing is everything for children, learning just as much as they do at school: safety, learning, excitement, logic, fun, concentration, creativity, fantasy, imagination, and more.

Playtime is about all of this. I’m good at Playtime and I’m enjoying every moment of my second chance to play. I have rediscovered it just as if it was the very first time. Playtime is a unique moment encapsulating everything that it is to be a child: the focus, creativity, excitement, suspense , intense concentration and the joy of every new discovery.

There’s nothing like the big grin of a child (and I feel like this), spreading across his face as he understands something, discovering it for the first time as though nobody else has ever known it before. As time goes on the discoveries get bigger and more complex, one idea leads to another… I can’t wait to see what next year will bring!

Big smiles and faces that slowly become familiar identify the brand and now we enter more familiar with the real creative part . I like to go from stand to stand curious to observe next year’s news.

Playtime Paris. Parte II

Ancora vi parlo di Playtime Paris, perché diciamolo, non si può tralasciare una fiera del genere.
Vorrei parlare di più a livello di sensazioni e umori, di persone conosciute, di organizzazione fiera impeccabile, dove tutto funziona alla perfezione, e tutto prende sfumature di infiniti colori ma cercherò invece di parlare di una piccola selezione della parte abbigliamento e sulle collezioni per il prossimo inverno.
La vastità di marchi presenti a Playtime è tanta e troppa per essere seguita in due giorni, quindi ecco a voi un piccolo resoconto fin dove sono riuscita.

Comincio con una selezione di accessori pensata per far sorridere i bambini.
Le calze collant di Braveling sono uno spasso per i più piccolini, già viste e le trovate su vari shop online, quelle da supereroe, da volpe o a righe colorate, la novità quelle sul rosa e viola e quelle con disegnate le forbicine.

image

Ai piedini ci pensa anche Petites Pattes, piccoli calzini per piccolissimi con stampate delle deliziose faccine che a muovere il piedino sembrano cambiare espressione.

image

E ancora per tenere i piedini al caldo le meravigliose scarpine di Le Collegien, una collezione vastissima dove la scelta è molto difficile. Quelle in misto cachemire ancora più morbide. Righe, pois, fantasie, tinta unita e all’ odore di fragola, e poi le calze e i collant e la sua cartella colori bellissima. Ve ne avevo già parlato qui. Scarpine per bambini ma anche per noi grandi super confortevoli.

image

Moccis pensa ai piedini con una pantofolina made in Sweden e cucita a mano con suola in pelle morbidissima, quelle con le stelle e i baffi le mie preferite.

image

La parte abbigliamento è invasa da marchi bellissimi. Alcuni fotografabili altri no per paura di essere copiati.
Ci sono capi tagliati su tessuti organici dalle linee semplici e di ottima qualità come la linea proposta da Grey Label, marchio che seguo da due anni e che sempre rimane nella mia lista dei preferiti.

image

Anche ABC123me propone una collezione basata sulla comodità e lo fa con gusto. Pochi pezzi ma belli e colorati per le felpe i pantaloni e le magliette, e qui il must have è la giacca a vento, semplice e bellissima.

image

E di giacche e piumini si parla con il brand Miniature di Copenhagen che pensa anche allo sci ma non solo. La sua collezione è ampia e comprende dei deliziosi pigiami tinta unita, vestiti, pantaloni, maglieria e accessori. Ma qui quello che mi colpisce è la parte dedicata all’outdoor. I piumini e le giacche a vento sono bellissime e cucite alla perfezione, i colori sono pastello oppure verde e blu. Per i neonati tutine termiche onepece oppure il sacco da passeggino che è morbido e bellissimo.

image

Ci sono poi marchi più colorati che utilizzano il fluo nelle loro collezioni come Noe & Zoe, un tripudio di stelle fluo su base bianca, strisce arancioni e una parte dedicata a capi bianco-nero.

image

Anche la collezione di Tiny cottons ha una parte dedicata al black And white che viene accostato alla fantasia di orsi polari bianchi su sfondo color mattone. Qui tutto è bellissimo e il tessuto in pima cotton è il valore aggiunto e distintivo del brand.

image

Poi, rimanendo in tema colore mi viene in mente Milk & Biscuit, che sfodera una collezione in gran parte color cammello accostata al rosa antico e ad un capotto a righe bianco e nero che vorrei per me.

image

Passando a qualcosa di più classico il marchio made in Italy Caffelatteacolazione è chic e ha stile come sempre. Colori come il senape, il blu petrolio e il rosso vino insieme alle fantasie liberty sono il carattere distintivo per il prossimo inverno. Bella la parte dedicata alla cerimonia in cui mi ha concquistato una camicia argentata. Anche questa vorrei per me.

image

Passiamo alle righe di Bob and Blossom. Magliette, tutine, con numeri stampati invasi da righe, ma anche tutù deliziosi dai colori accesi per questo marchio tutto inglese.

image

Oeuf aumenta la sua collezione di abbigliamento rispetto a questo inverno, ed è semplicemente meravigliosa. Animali del bosco, ma anche verdura nelle sciarpe e nei cappello, serpenti come cuscini, e corone per re e regine per un marchio che conquista tutti non solo per i suoi capi ma anche per l’arredo.

image

Vorrei citare anche: Piupia per il suo delizioso vestitino con pompom; Child ish per una collezione dal design minimal e chic; Nadadelazos per la creatività e il tessuto in cotone organico; La bottega di Giorgia per le linee pulite e il suo stile minimal e qui il mio amore per un vestito a quadri black and white; Pequeno tocon marchio spagnolo pensato per neonati 0-6; Baby alpaga per la scatolina regalo con scarpine guanti e sciarpa; Essencia per l’alta qualità dei suoi capi super morbidi in alpaca, i maglioni soffici, caldi e bellissimi come gli accessori.

image

image

image

image

image

Si conclude così la mia selezione a Playtime Paris per la sezione moda e accessori. E come già detto parlerò ancora e più avanti di altri marchi specifici, o di marchi già citati e da approfondire per conoscerne la storia. Ho incontrato persone che hanno voglia di raccontarsi, che hanno una passione infinita per quello che fanno e ne sono orgogliosi. C’è chi è alla quarta generazione oppure chi è nato da poco, chi è ancora piccolo e poco conosciuto e chi invece è diventato un must nell’armadio dei bambini.

Playtime Paris. Parte I.

Atmosfera rilassata ma con la sensazione di partecipare ad una festa tra i quattrocento quaranta marchi presenti a Playtime Paris.
Si passeggia alla scoperta del nuovo tra design, arredo, abbigliamento, colore e funzionalità.

Collezioni autunno inverno 2016 belle, comode, eleganti, casual e stilose tra qualcosa di eccentrico e innovativo.
Accessori colorati e divertenti ma anche sobri e monocolore, per bambini che non smettono mai di giocare o per mamme tipo me che non possono fare a meno del tinta unita nell’armadio dei figli.
Una sezione premaman di abiti chic e confortevoli per donne in gravidanza e per neo mamme, pratici per allattare.
Una parte dedicata a dodici illustratori e alla loro creatività.

Banconi bar e baracchini colorati per prendere un caffè e fermarsi a mangiare.

Stands segnalati con palloni gonfiabili come se si camminasse ad una festa per bambini, alla ricerca di qualcosa, che ci stupisce, che ci piace.

“L’ omino della bicicletta” che pedala con ritmo lento costante tra stand e stand a vendere noccioline caramellate, lecca lecca di cioccolata, per far tornare tutti un po’ bambini e ricordare il caretto dei gelati.

Questa l’atmosfera, allegra e gioiosa, facce ed espressioni sorridenti, feeling tra i vari venditori, curiosità di conoscere storie tra scambi culturali e strette di mano, qualche bambino qua e là che corre e saltella, mamme e papà con passeggini a girellare e a fare ordini.
E io amo Playtime.

Si comincia con la sezione dedicata al design e agli accessori dove l’occhio viene rapito dall’installazione ‘PlayWithDesign’ tutta dedicata al movimento. Oggetti in vimini creati da dieci designer e pensati per i bambini dando libertà di scelta nel movimento.

image

image

Nella sezione design collezioni pensate per rendere la cameretta sempre più accogliente, dallo stile a volte classico e a volte un po’ più eccentrico, dai disegni minimal o geometrici, dai tessuti organici e delicati.

Per la parte tessile spiccano le linee monocolore di Numero74 con il suo stand total white, la collezione di Olliella, marchio inglese, in tessuto organico che propone anche un bel tappeto geometrico, il marchio Louis le sac con i suoi tessuti morbidi e resistenti ai liquidi.
Un total black per lo stand La Langerie attrae l’ attenzione sulle belle e morbide coperte in cotone bio. Trixie-baby, marchio belga, pensa al bambino in un ottica più colorata, con fantasie tenui ma di grande impatto.E ancora, le collezioni più colorate di Nobodinoz e di Ketiketa.
Un mix di collezioni tra i quali si ha l’imbarazzo della scelta.

image

image

image

image

image

image

image

image

image

Per accessoriare la cameretta con stampe, lampade e complementi l’angolo di Baloon rouge è perfetto, e qui ho potuto comprare qualche stampa da attaccare in camera di Gregorio.

image

image

Passeggiando in questo clima di festa si rimane colpiti dal marchio Corby Tindersticks per i colori, per il gioco dei pianeti, per i pupazzi inusuali e qui accanto il marchio April Eleven incuriosisce per i suoi appendini sagomati a forma di Batman, gli specchi e l’altalena. Marchi questi che ho sempre seguito nello shop online Molly Meg ma che dal vivo fanno sicuramente un altro effetto.

image

image

image

Felice anche di vedere di persona e toccare con mano i prodotti di Donna Wilson con i suoi incredibili animali, i suoi set portauovo, piatti, bicchieri, coperte e cuscini. Super Donna Wilson!

image

image

Uno stile più inglese ma solo per le fantasie liberty quello di Blossom, che dalla Francia propone sacchi nanna, doudou e coperte super chic. ‘Must have’ i cuscini con le scritte.

image

Le mensole di Lecons de Choses, come gli appendi abiti fanno pensare alla camera di un ragazzino californiano amante di skateboards e sport estremi, manubri, ruote e tavole per trasformare la stanza di un teenager in un tema street style dai colori vivaci.

image

Ancora festa qui a Playtime con marchi che pensano al gioco e ai travestimenti. E adesso che siamo in tema carnevale uno sguardo a Ratatam che propone costumi per travestirsi da rinoceronte, zebra, leone e in più palle rimbalzanti e tutù per piccole ginnaste. Chamaleon aggiunge ai suoi travestimenti da supereroe regine moderne tinte di nero e oro, argento e turchese proponendo una versione più moderna della vita al castello.

image

image

C’è anche chi come The Fabulous Garlands pensa a dipingere una bancherella di un mercato in festa con tantissime ghirlande colorate e tutte dipinte a mano. Hanno qualcosa di magico, di artistico e di surreale le ghirlande di Sophie Cuvelier.

image

E poi i colori pastello non tossici di Studio Skinky per avvicinare i piccoli alla pittura attraverso il gioco creativo.

image

image

Giocare ancora e divertirsi con i pupazzi, le music box, i quaderni da colorare e gli zainetti per l’asilo di Esthex, marchio Belga che ama gli animali, le storie, le bambole dagli occhi ipnotici che mi hanno conquistato.

image

image

image

Finisce qui la mia selezione di una prima parte a Playtime Paris, tra design, arte, creatività, gioco e freschezza.

Parlerò di altro ancora, della parte abbigliamento, della sezione dedicata alle mamme in attesa con un riferimento a qualche marchio specifico, di ciò che trovo utile e pratico, di ciò che invece è bello e basta ai miei occhi.