Dolcetto o scherzetto? Casette mostruose con sorpresa.

fullsizerender

Semplici e sopratutto veloci da fare le casette mostruose per il nostro Halloween 2016.
L’idea è quella dell’anno scorso, sempre tre casette ma questa volta con dentro una sorpresa un po’ paurosa e dolcissima!
Sarà uno scherzetto o un dolcetto? Dal fuori sembrano casette accoglienti dentro alle quali non si nascondono certo degli scheletri, o ragnatele tessute da ragni pericolosi…

Ho visto la faccia dei bambini quando al mio tre hanno sfilato il coperchio e io con un urlo gli ho fatto il classico “boo!”. Hanno fatto il ‘saltino’, quello da spavento e poi a ridere! Mamma l’hai fatto tu? E il seguente abbraccio di Ginevra, la voglia di mangiare il cioccolatino da parte di Greg e lo studio attento e meticoloso di Nina che si chiedeva come ero riuscita a farle…

fullsizerender-1

Ebbene mia cara piccola e deliziosa e dolce Nina, le scatoline non le ho fatte, sono quelle che si usano di solito per i fiammiferi ma nel formato grande, ricevute gentilmente da un’amica che sapeva che le stavo cercando (di così carine effettivamente non ne ho trovate, sono bianche un po’ lucidine e anche l’interno è bianco fuorché la base).
Mi sono limitata insomma a disegnare casette, ragnatele e ragnetti, a tagliare qualche foglio di carta bianca e aggiungere un cioccolatino in tema Halloween.
Basta prendere le scatole dei fiammiferi, disegnarle un po’ con fantasia, qualche cioccolatino e la sorpresa mostruosa è assicurata!

img_3746

Cosa occorre:

– Scatolina apri e chiudi come quelle per i fiammiferi
– Un pennarello a punta fine nero per decorare e disegnare
– Cioccolatini mostruosi (si trovano all’Esselunga)
– Un foglio di carta bianco o nero
– Righello per essere precisi nel disegno

Mini Halloween city, una città fai da te.

Ci sono bambini che la festa di Halloween la vivono con paura, altri invece, come i miei Three Little Pigs, non aspettano altro che travestirsi e andare a bussare nelle case per fare dolcetto scherzetto, fare i fantasmi, intagliare la zucca e cercare di farla diventare la più spaventosa di tutto il paese.
Quest’anno ho pensato di fargli un piccolo regalo creando una mini città composta da tre casette, tre nuvolette e tre pipistrelli che il giorno di Halloween troveranno alla fine di un percorso tracciato da cioccolatini. perché quest’anno il classico ‘dolcetto o scherzetto’ lo faremo a casa…

image4

Rovistando tra la scatola del fai da te, tra colle, brillantini, trincetti, nastri, carte da pacchi, tempere e pennelli ho trovato tre tavolette di compensato che erano avanzate da un lavoretto precedente, le ho dipinte con vernice grigia e bianca, poi disegnate con il pennarello nero realizzando tre casette per i tre porcellini. Ad ognuno la sua, che se unite vanno a formare una piccola città che di pauroso non ha niente se non qualche pipistrello stilizzato svolazzante.

Processed with VSCOcam with a4 preset

Processed with VSCOcam with a6 preset

Una mini città che non sarà di certo come quella americana di Gotham City, ma che si avvicina di più allo stile british di Londra. D’ispirazione inglese anche le tre altalene a tema Halloween per giocare insieme a fare ‘BOO’.

image1

Se avete bambini timorosi nei confronti di questa ricorrenza che sempre di più prende piede anche nel nostro paese, che ne dite di ricreare anche voi una mini Halloween city?
Basta poco: carta, pennarello nero indelebile, tavolette di legno di varie misure, vernice per legno.
Poi via alla fantasia, decorate con macchinine, rametti freschi, zucche e anche robot e super eroi.
Addobbate il tutto per far rimanere i vostri piccoli a bocca a porta, sarà una sorpresa meravigliosa.
Decorate una parete, o un angolo della casa, o il camino e vedrete che sarà un successo, aggiungete infine candele e qualche scherzetto o dolcetto.

Halloween in collina. Halloween e i Three little pigs

Anche quest’ anno ci siamo fatti prendere dalla festa di Halloween.
Quando si vive in un paese, ciò che ci circonda, a mio parere, diventa più autentico, più partecipativo, si diventa come una grande famiglia.
E davvero ringrazio chi ha reso me e miei Three little pigs impegnati in questa avventura di Halloween anche quest’anno. Quindi grazie a Silvia e a tutta la Sosta del Rossellino per avere anche questa volta pensato al concorso de ‘la zucca più spaventosa’ che ha animato il paese tutta la settimana, tra tagli di zucca, votazioni, preparazioni, eccitazione e curiosità dei bambini.

Abbiamo cominciato con la zucca il martedì.
Gregorio ha fatto progetti e disegni per creare la zucca più spaventosa da presentare a La sosta del Rossellino, mentre le due sorelline si sono limitate a dare piccoli suggerimenti su dove posizionare ragni e denti e a constatare che a loro la zucca non faceva tanta paura. Una collaborazione a quattro, che ha spaventato il babbo al suo ritorno dal lavoro.

Giunto alla sua terza edizione quest’ anno il concorso prevedeva una spaventosissima zucca fatta da genitori e bambini. La nostra non ha vinto ma ci siamo divertiti e impegnati a fare insieme qualcosa di super spaventoso.

image

image

Prima di andare a constatare che la nostra zucca non avrebbe vinto (ce ne erano davvero di spaventose) abbiamo passato una parte del pomeriggio a giocare a fantasmini, veramente una piccolissima parte, visto che i miei lenzuolini non erano poi costruiti alla perfezione e i buchi per gli occhi continuavano a spostarsi ovunque.

image

image

Così prima di uscire di casa qualche cicatrice dipinta sul viso per essere in tema mostri, streghe, fantasmi e zombie, e lasciarci alle spalle il pessimo costume da fantasma creato da me…

image

image

image

Giunti a La sosta del Rossellino, tanti bambini e genitori ad assistere alla premiazione. Se volete vedere chi ha vinto cliccate qui.
A seguire la lettura del libro “l’orco che mangiava i bambini” proposta da Caduta Libri che ho letto con molta partecipazione e mimata da Tania (caduta libri) nei panni dell’orco mangia bambini!

image

image

image

C’erano i super mostruosi biscotti e pasticcini di ‘I Pasticci di Trilly’ che hanno deliziato i palati dei più piccoli. Occhi di mostri, dita della strega, fantasmini, biscotti di zucca, ossa di scheletro.

Come promesso l’ anno scorso qui, abbiamo proseguito la serata con dolcetto scherzetto, e poi tornati a casa per un’ ottima cena in compagnia di amici.

image

image

image

All pictures are reserved ph Silvia Bianchini & threelittlepigs

Una sorpresa mostruosa

La notte di Halloween accadono cose strane, mostruose creature si risvegliano…
Family Nation e ThreeLittlePigs hanno preparato una sorpresa mostruosa!

Nina e Ginevra dormivano tranquillamente nei loro lettini ma ecco che all’ improvviso accade qualcosa di strano.
Un rumore, come una porta che si apre, un rumore di camminata nel cuore della notte, rumori che svegliano le due sorelline.
Ed ecco all’ improvviso spuntare loro, dei piccoli mostriciattoli colorati… Paura?

Noooo!!! Sono i super colorati e divertenti mostrini di Pebble con cui è un divertimento assicurato giocare.
Giu dai lettini, di corsa a giocare insieme a loro!

Colorati, morbidi e spiritosi i pupazzini di Pebble sono diventati inseparabili amici dei Three little Pigs. Viola, verde e celeste quelli che hanno scelto loro.

Ma Pebble non produce solo mostri!
Nell’ universo di Pebble ci sono sognali, scarpine e coperte per neonati, camioncini, decorazioni natalizie, cappellini, doudou, frutta e verdura e tanto ancora, tutti fatti in crochet di cotone fair-trade.

Family Nation, come potete vedere dal sito ne è il distributore ufficiale in Italia e offre una vastissima gamma di prodotti.

Gli articoli della Pebble sono fatti da un’impresa sociale no-profit in Bangladesh che segue le regole del commercio equo e solidale e offre alle donne del Bangladesh un impiego di buona qualità, remunerato in modo equo, flessibile e che permette loro di avere pieno controllo delle loro vite creando, in modo locale, oggetti di artigianato per il mercato globale.

Vi è piaciuta la sorpresa?

Our halloween. Thanks to I Pasticci di Trilly, Enoteca Rossellino, Caduta Libri.

Non avevo in mente di fare qualcosa per Halloween, e invece mi sono ritrovata in mezzo a pipistrelli, zucche paurose, fantasmini, ragni, biscotti, dita della strega e altro ancora, perché’ effettivamente se posso far passare del tempo ai bambini divertendoci insieme a creare qualcosa ecco che la mia parte creativa viene fuori. Tutto e’ iniziato due settimane fa quando Silvia dell’enoteca del Rossellino ha organizzato il concorso “La zucca piu’ spaventosa” e ci siamo divertiti a casa di amici a ricreare cio’ che per noi genitori e figli era davvero spaventoso. Ci siamo divertiti senza dubbio piu’ noi grandi… image image

La sera di Halloween all’enoteca di Settignano, oltre al concorso e alla proclamazione dei vincitori (noi non abbiamo vinto), Caduta Libri( di cui ho già’ parlato) ha partecipato raccontando una storia paurosa ai bambini dal titolo ‘In una notte nera’ edizioni Babalibri, creando un’atmosfera suggestiva utilizzando solo una torcia al buio e che paura!

image

Poi mi sono fatta prendere la mano. Oltre all’ idea di creare semplici e simpatici pipistrelli di carta con dentro caramelle, cioccolatini e ragnetti per i miei bambini e fare una sorta di caccia al tesoro per casa e in giardino vestiti in maschera, mi sono detta che ci sarebbero stati bene anche dei biscotti paurosi e dei muffins decoratitema…

image

Così ho chiesto a Barbara de ‘I pasticci di Trilly’ se voleva darmi una mano e fare dolci e biscotti da decorare insieme a casa, e lei entusiasta mi ha elencato una serie di cose buone da poter fare e da mangiare. Mentre io mi sono cimentata a fare biscotti di pasta frolla a tema che poi abbiamo decorato con la pasta di zucchero, Barbara ha portato a casa da noi, oltre alla sua simpatia e bravura, le dita della strega(davvero paurose e squisite), tre plumcakes al cioccolato da decorare con ossa di scheletro al cioccolato bianco (i preferiti di Gregorio) e dodici muffins che sono diventati ragni, fantasmi e campi di zucche. Il risultato e’ stato un successo. Una tavola piena di dolcetti buoni e spaventosi. Grazie a Barbara e alla sua pazienza e di aver insegnato anche a me a decorare.

image

image

imageimage

Abbiamo unito insieme il compleanno di Giovanni e Halloween e invitato qualche amico e parente. Il prossimo anno i bimbi vogliono andare a suonare nelle case a fare dolcetto scherzetto e li accontenterò.

image