Privacy please. Una tenda per tre.

Ci sono segreti che devono rimanere tali, e ci sono posti per comunicare il segreto, senza essere sentito, senza essere visto. Ci sono attimi in cui a casa qualcuno ha bisogno di pace, di silenzio, di calma.
Oltre a me, è ovvio, qualcuno di loro, dei Three Little Pigs, ha bisogno di un angolo, di uno spazio privato che non va toccato, di un posto segreto dove i grandi non possono entrare. Un mondo loro, nascosto dagli sguardi insistenti della mamma, dove rifugiarsi alla luce di una torcia e magari sfogliare un libro da soli, nel loro intimo spazio. Essere tra di loro complici fratelli.

Ricordo, perché da poco l’ho riscoperto a casa dei miei, il nostro posto segreto, quello mio e dei miei fratelli. Un tavolo apribile in camera loro, dove sotto ci scrivevamo e ci scambiavamo piccole confidenze.

Capita che a volte trovo i miei bimbi sotto ai letti, dove si nascondono e cercano di stare tutti e tre pigiati per non fare uscire un piede o una mano. Li sento ridere e io sto al gioco.
Ma la cameretta oramai non basta per rifugiarsi. Serve un vero rifugio. Serve un luogo stretto e magico pieno di fantasia.
Quale scelta migliore se non una tenda?

Una tenda, una in tre certamente, non sarebbe possibile averne una a testa…
Impariamo così a rispettare lo spazio dell’ altro.
Proveremo a fare dei turni se insieme non vorrano condividerla…
Sarà molto difficile dal momento che il saper aspettare non è una delle loro prerogative, ma qualcosa mi inventerò.
Ad esempio il gioco degli indiani tanto amato da Gregorio e che incuriosisce anche Nina e Ginevra sarà un ottimo pretesto per giocare insieme e fare della ‘Tepee’ un luogo segreto dove nascondersi dalla mamma cowboy!
Per il momento vi lascio ad immagini di tende sognanti prese da Pinterest che ho voluto arricchire con disegni.

image

image

image

image

image

image

image

Per chi volesse fare una tenda da solo ecco un piccolo tutorial.