Le stelle speciali di Unduetrestella: Collezione di Stelle (di Natale).

COLLEZIONE+DI+STELLE+11low

Le stelle quelle di Unduetrestella sono sempre state un po’ speciali, da quando Paola le ha iniziate a collezionare e a condividere su instagram sotto l’hashtag collezionedistelle. Se andate a curiosare troverete tante forme, oggetti, brillantini, pezzetti di carta, un coriandolo trovato per terra, un fiore o un’arancia tagliata, forme che ricordano stelle, perchè le stelle fanno sognare, le possiamo vedere ovunque, camminando per strada, sugli alberi come foglie appese ad un ramo, in una scritta di un pacchetto di biscotti. Cosa c’è di più bello di vedere oltre le cose reali e di usare l’immaginazione per sognare? La fantasia aiuta a rimanere bambini e i grandi dovrebbero insegnare questo ai bambini, a non perdere la fantasia e a guardare oltre, a guardare il bello delle cose che ci circondano.

Le stelle ci fanno esprimere desideri e tenere il naso all’insu e fantasticare su sogni che un giorno magari si avvereranno. Un cielo stellato è ciò che c’è di più emozionante basta immergersi dentro con la fantasia e volare tra abbracci di stelle e voli vertiginosi.
Le stelle sono speciali e Paola ha ragione. Lo sono anche per me!

Ai miei figli, quando erano più piccolini, ho raccontato la storia che prima di nascere erano stelle e anche quella sul nonno che ci guarda da lassù e la notte la stella di mio papà brilla tantissimo perché vuole darci la buonanotte…
Le stelle sono magiche, sono amiche, dolci compagne di viaggio e di bellissimi libri illustrati.

Paola fa di più oltre a collezionare stelle e a ricordarci che anche noi siamo stati bambini, trasmette con il suo lavoro ciò che di bello c’è sul mercato in termini di arte e design, e con tutto il suo amore per le stelle e conoscenza nel mondo dell’arte crea una collezione di stelle speciale che diventano un calendario dell’avvento: Collezione di stelle (di Natale).

Designer e illustratori partecipano con entusiasmo a questo progetto e creano così 24 stelle, l’una diversa dall’altra, alcune sono in gruppo, altre hanno occhi e bocca, una scia luminosa, alcune sembrano parlare, altre sembrano cadenti e tutte insieme sono meravigliose!

Tante stelle da colorare e da personalizzare dunque, in un’edizione limitata (1/100) in vendita online da UnduetrestellaSTORE e presso il negozio di Milano in via G.B. Vico, 1.

C’è di più però, Unduetrestella ha voluto condividere la sua bellissima Collezione di stelle (di Natale) con i piccoli pazienti che capiteranno, purtroppo, al Pronto Soccorso Pediatrico della Clinica De Marchi di Milano. Un gesto dolcissimo per sognare sempre anche nei momenti più difficili!

Dall’1 dicembre c’è una una stella, sempre diversa, disegnata da artisti, illustratori, e designer, per tutti i bambini ma anche per gli adulti che hanno voglia di sognare e di trasformarsi in piccoli creativi.

Collezione di stelle (di Natale) sono di:✨
Alicucio, ⭐Bumoon, ⭐Pierluigi Calignano, ⭐Martine Camillieri, ⭐Martina Della Valle,
Fam Fara, ⭐Dossofiorito, ⭐Fabulous Goose, ⭐Furf Design studio, ⭐Io kids design,
Melina for kids, ⭐Nobody&co., ⭐Luca Paulli, ⭐Paola Pezza, ⭐Puella, ⭐Alex Raso,
Studio delle Alpi, ⭐Toctoc Lab, ⭐Flaminia Veronesi

Dolcetto o scherzetto? Casette mostruose con sorpresa.

fullsizerender

Semplici e sopratutto veloci da fare le casette mostruose per il nostro Halloween 2016.
L’idea è quella dell’anno scorso, sempre tre casette ma questa volta con dentro una sorpresa un po’ paurosa e dolcissima!
Sarà uno scherzetto o un dolcetto? Dal fuori sembrano casette accoglienti dentro alle quali non si nascondono certo degli scheletri, o ragnatele tessute da ragni pericolosi…

Ho visto la faccia dei bambini quando al mio tre hanno sfilato il coperchio e io con un urlo gli ho fatto il classico “boo!”. Hanno fatto il ‘saltino’, quello da spavento e poi a ridere! Mamma l’hai fatto tu? E il seguente abbraccio di Ginevra, la voglia di mangiare il cioccolatino da parte di Greg e lo studio attento e meticoloso di Nina che si chiedeva come ero riuscita a farle…

fullsizerender-1

Ebbene mia cara piccola e deliziosa e dolce Nina, le scatoline non le ho fatte, sono quelle che si usano di solito per i fiammiferi ma nel formato grande, ricevute gentilmente da un’amica che sapeva che le stavo cercando (di così carine effettivamente non ne ho trovate, sono bianche un po’ lucidine e anche l’interno è bianco fuorché la base).
Mi sono limitata insomma a disegnare casette, ragnatele e ragnetti, a tagliare qualche foglio di carta bianca e aggiungere un cioccolatino in tema Halloween.
Basta prendere le scatole dei fiammiferi, disegnarle un po’ con fantasia, qualche cioccolatino e la sorpresa mostruosa è assicurata!

img_3746

Cosa occorre:

– Scatolina apri e chiudi come quelle per i fiammiferi
– Un pennarello a punta fine nero per decorare e disegnare
– Cioccolatini mostruosi (si trovano all’Esselunga)
– Un foglio di carta bianco o nero
– Righello per essere precisi nel disegno

TOC TOC box for kids: un contenitore di idee, da leggere, costruire e giocare che arriva alla porta di casa tua.

863305e5-95bf-4725-99ca-208e11153a91

‘TOC TOC!’
‘Chi é?’
‘Sono la tua scatola di cartone’.

C’è questo bellissimo progetto che arriva alla porta di casa nostra, che propone scatole di cartone con tante sorprese per i nostri bambini. Sto parlando della scatola Toc Toc!
Un contenitore di idee, da leggere, costruire, e con cui giocare, una scatola di cartone in uscita ogni tre mesi, una scatola animata pronta a far divertire i bambini con la natura, con i viaggi, con un libro, con il creare degli oggetti.

Chi lo ha ideato e messo in pratica sono due studi di progettazione di architettura, design e grafica: Kid’s Modulor e Progettincorso.
La passione e l’amore per il mondo dell’infanzia li ha fatti incontrare e conoscere sul web. Dal 2014 lavorano a questo nuovo progetto per bambini che si chiama TOC TOC box for kids.

L’idea che sta alla base del progetto è quella di offrire al bambino delle suggestioni, degli spunti di riflessione, che siano un invito, nel suo processo di conoscenza e di scoperta, suscitando quella curiosità che gli serve per porsi delle domande più che delle risposte.

Schermata 2016-02-09 alle 11.49.26

Toc Toc è per tutti i bambini, piccoli artigiani, esploratori e creativi.
E’ possibile scegliere la box in base alle fasce di età: 0-3 / 3-6 / 6-9.

E cosa contiene esattamente Toc Toc?
Un tema a sorpresa che viene trattato attraverso un libro. Grazie alla collaborazione con la libreria “Il Giardino Incartato” di Roma, nelle scatole è sempre presente un libro capace di raccontare il tema scelto, arricchendo il contenuto delle scatole con letteratura di qualità per bambini. Ad affiancare il libro un oggetto, diverso ogni volta, per comprendere meglio il tema affrontato ma anche per porsi delle domande. Oppure attività manuali, oggetti da costruire, di arredo, kit per esploratori, materiali e attivita’ che motivino l’osservazione e l’ apprendimento attraverso l’ esperienza.

L’edizione invernale (Dic 2015 / Gen-Feb 2016), affronta il tema del tempo, ecco qui le immagini della scatola divise per fascia di età.

349737-6fafad6431834662adce80e876c19951

349737-785ee11c98e742ecb915dad2eea54483

349737-9d095984b47043778a67b210a20d58d0

Per la scatola di febbraio siamo ancora in tempo!
Non rapisce anche voi questo progetto? A me ha conquistato subito! I bambini non ricevono mai posta… Come sarebbe bello ricevere un pacco speciale da parte dei nostri figli? TOC TOC chi è?
Le scatole sono acquistabili sul sito TOC TOC a questo link.

Giochi artigianali, giochi in legno, giochi all’aperto.

Cercavo tra i libri quello che comprai tempo fa, che volevo sfogliare e condividere con i Three Litte Pigs per inventarci giochi all’aperto adesso che arriva la bella stagione. Lo prendo lo apro e lo sfoglio e imparo.

image

Imbarazzo della scelta. Mi trovo di fronte a spiegazioni di giochi semplici e complessi, quelli che utilizzano carta e cartone o tappi e bottiglie, quelli con palloncini, quelli in legno, quelli con catapulte, quelli che ricordo quando ero bambina.
Materiali diversi per diversi giochi come il Catapultone, battaglie aeree, comete, bersagli, corsa di origami, palla in cerchio, labirinti e piste, tiro alla fune con carrucola e tanti ancora.

image

image

image

image

E qui, in questo tripudio di giochi da costruire e inventare con materiali di riciclo ecco che mi soffermo di più su quelli in legno. E la mia passione per il legno continua.
Piccoli, grandi, da montare, da inventare, da impilare fino a raggiungere altezze verosimili, quelli artigianali, quelli dipinti con materiali atossici, giochi di qualsiasi tipo basta che siano di legno.
L’autore del libro cui citavo sopra, di giochi in legno se ne intende davvero, ha fatto del gioco e del legno una grande passione e ne ha fatto un museo itinerante di una quarantina di giochi.
Piero Santoni crea giochi di altri tempi, con un sapore tutto particolare, dove la materia si percepisce ancora viva, dove i grandi si perdono e i bambini si incuriosiscono. Lui va in giro per piazze ed eventi a far divertire la gente utilizzando il gioco come strumento di aggregazione, creativita, socialità e crescita e per comunicare al pubblico che il gioco può in qualche modo può ‘salvare il mondo’.
Ed è davvero così quando ti trovi difronte alle sue creazioni artigianali.
E’ autore di “Riciclingioco”, manuale per il recupero creativo e ludico dei materiali di scarto, e di ‘Il grande libro dell’ecogioco’ 200 giochi e progetti ludici da realizzare in casa e all’aperto, lo definisce il manuale del buon sollazzo perché è puro divertimento in tutte le sue fasi, prima durante e dopo. Nel suo libro ci insegna a realizzare giochicon materiali di riciclo, o ad usare il legno con strumenti di falegnameria per creare dei giochi davvero sorprendenti.

Ricordo il biliardino a porta centrale, biliardino equilibrio, trestis con i cubi di legno, la pesca dei pesciolini, ma ce ne sono tantissimi che viaggiano con lui per fiere ed eventi.

image

Tempo fa, l’ho incontrato a Firenze, oramai sarà un anno fa, e la chiacchierata con lui non me la scordo. La sua passione per il legno e la falegnameria, i giochi costruiti e inventati per i suoi figli, i racconti sul Natale e sulle sue avventura la notte del ventiquattro per preparare percorsi, gimcane e caccia al tesoro per sorprendere i suoi bambini.
Quando racconta del suo mondo gli brillano gli occhi. Una passione che dovrebbe essere insegnata, e a volte accade con i laboratori che si tengono a Rignano sull’Arno in provincia di Firenze, dove si trova l’associazione culturale “Ingegneria del Buon Sollazzo” di cui Piero ne è il presidente.

Vi invito ad andare a Modena al festival del gioco, 11.12 Aprile per divertirvi a provare questi giochi sorprendenti.link

Primo giorno Milan design week

Ed eccoci arrivate nella frenesia Milanese.
Dopo una febbricitante Ginevra con conseguente pianto perche’ la decisione era quella di non portarla a Milano ed il mio racconto di quando da bambina anch’ io non ero potuta andare ad una gita organizzata con la mia famiglia al parco di divertimenti perché mi ero rotta un braccio, ecco che la febbre scende e allora tutte a Milano nello splendido scenario di Brera in una casa davvero di gran gusto.

image

Prima però di fare qualcosa con le mie bimbe una tappa da sola ai navigli accanto alla canottieri Milano nel delizioso atelier di MariaVera e delle sue ceramiche poetiche con le quali inventarsi storie tra animali, immaginare un orto pieno di verdure da cogliere appena fresche, o riempire un cestino di fragole e rimanere incantate dalla quantità di fantasia e amore che MariaVera mette nelle sue creazioni. Peccato non esserci incontrate per un attimo. Le ho lasciato un messaggio scritto però, con la promessa che sarei ripassata a maggio.
Da mv%ceramicsdesign colori tra i piccoli e grandi oggeti in ceramica da appendere ovunque, nella camera del vostro bimbo, in cucina, nell’ ingresso di casa.

image

image

image

image

image

image

image

Poi di corsa a prendere Nina e Ginevra per portarle in Cascina Cuccagna al goodesign. Che bel posto!
Una vecchia cascina affascinante ospita nelle sue diverse e tante stanze una molteplice varietà di prodotti. Eco sostenibili, di design, di qualità.
Prima fermata nella cameretta con il letto rialzato dal quale si può scendere con lo scivolo. La voglia di salirci era tanta, la voglia di scendere giù veloce dallo scivolo infinita, così hanno deciso che quando avranno bisogno di un nuovo letto, lo vogliono così. E da qui la loro discussione su chi sarebbe stata ‘al piano di sopra’ del letto a castello…o per chi avrebbe preso quello con lo scivolo! La cameretta e gli arredi insieme agli accessori del marchio pedano.

image

image

A seguire una sosta nella casetta di reverselab creata con materiale riciclabile, materiali di riutilizzo di alcuni scarti derivanti dalla produzione industriale. Deliziosa in giardino o anche in casa.

image

Proseguendo per il nostro giretto tra bimbi, mamme e persone sorridenti e felici, una sosta nello spazio che accoglie il mondo di eve insieme a a.Da e a zanzotti design. E mentre io ammiravo i mobili di il mondo di eve trovo quelle due buffette di Nina e Ginevra a giocare complici a nascondino nella tenda di a.Da, creata con tessuti provenienti da tovaglie o pezzi di tessuti collezionati negli anni.

image

image

Alla falegnameria un bellissimo progetto che vede i carcerati coinvolti in creazioni davvero sorprendenti, come la casetta in legno, le macchinine smonta e monta, il pannello inventa storie, l’ appendiabiti cresci con me, la pista da comporre per far correre le palline. Vivawood è il nuovo brand della Falegnameria del Carcere di Bollate, gestita da e.s.t.i.a.
Anche qui un gran divertimento e tanta curiosità nel scoprire nuovi giochi e nuovi spazi da esplorare.

image

image

image

image

E ancora al piano di sopra arriviamo da Le civette sul Como’ e finalmente conosco di persona Giorgia e Alberta, davvero gentili e sorridenti ci accolgono insieme a Valentina di a misura di bimbo nel mondo magico delle favole, tra gli armadi amsterdam, il letto di Oeuf be’ good, le illustrazioni da favola di C.jackson ( il mio link qui) le lampade a sospensione dal sapore fiabesco di enostudio. Davvero un allestimento di colori e di favole con tanti libri scelti ad hoc, quello creato da Valentina.

image

image

image

Poi incontriamo i cuscini di vastarredo posizionati su una terrazza, dove loro si sono divertite tantissimo a saltare e provare i cuscini ‘ambiente infanzia’ dai colori pastello. Uno degli spazi preferiti.

image

image

image

Mentre loro si divertivano in uno spazio sicuro ho potuto girare ancora un po’ e scoprire tante altre cose.
E qui: le creazioni di Alicucio che già conoscevo ma che da viste dal vivo fanno totalmente un altro effetto, pure creazioni artigianali di legno da toccare con mano;
arredamento di cartone di eco and you
i cartoni gioco a dimensioni bambino di pompecca

image

image

image

image

La nostra giornata insieme si è conclusa con un riposino sul letto ecologico di flowerssori e una divertente sosta sulla panchina a dondolo per due.

image

image

Avrei da scrivere ancora su ciò che ho visto, magari più avanti e in modo più dettagliato.
Un successo con le mie bambine che alla domanda ‘ vi siete divertite’? Risposta: ‘a bomba, mamma, tanto così’ allargando le braccia a più non posso…