Back to school | Amicizia

_mg_7265

Non è mai facile ricominciare…
Ma è arrivato il tanto desiderato, sopratutto per me, back to school!
E’ tempo insomma di tornare sui banchi di scuola, di affrontare nuove avventure, nuovi ostacoli e di raggiungere nuovi traguardi. E’ tempo di lasciarsi l’estate alle spalle, di raccontarla agli amici, di scriverne testi e farne disegni. E’ tempo di stringere nuove amicizie e coltivare le vecchie, rafforzarne il rispetto, la sincerità, la disponibilità reciproca, la fiducia.

E’ vero che il ritorno a scuola sa di libri, quaderni, grembiule, diario, cartella ecc, ma per me e per i miei figli il ritorno a scuola sa sopratutto di amicizia con la A maiuscola.

Tornare a scuola, anno dopo anno, e ritrovare i vecchi compagni è emozionante.
Il primo giorno di scuola lo è, le mani sudate, il battito del cuore accelerato, il ritrovarsi accanto al migliore amico, rivedere la maestra, aspettare la ricreazione per giocare insieme, raccontare e scambiarsi segreti. Ritrovarsi e riscoprirsi di nuovo amici, mostrandosi per quello che si è, con la propria faccia e le proprie emozioni, trovarsi cresciuti rispetto all’anno precedente con la voglia di condividere le stesse avventure scolastiche ed extrascolastiche.

Ognuno vive la scuola secondo la propria personalità, c’è chi la vive come un sassolino nella scarpa, chi invece si da un gran da fare, chi la mattina vuole arrivare per primo all’apertura del cancello. Chi è pronto a scambiare figurine, chi ad abbracciarsi all’uscita per poi rivedersi il giorno dopo, chi a fare inviti per il giorno stesso e passare un pomeriggio in compagnia ai giardini.

E’ da una settimana che Nina ogni giorno mi chiede: “quando manca al primo giorno di scuola?”. Lei è emozionata, e più sente che il giorno si avvicina e più si stringe nelle spalle con un sorriso pieno di eccitazione. Ginevra fa prove di zaino, lo riempie per sentire quanto è pesante, e si domanda se a piedi la mattina riuscirà a portare quel peso… Gregorio è felice di rivedere i compagni, desidera il ‘giorno corto’ perché la ricreazione dura molto di più rispetto agli altri giorni. Vuole rivedere il migliore amico, organizzare il martedì con lui come accadeva spesso l’anno scorso.

Sono felice che tutti e tre saranno nella stessa scuola del paese, so che Greg proteggerà le sue sorelle, nella loro timidezza lui saprà come prenderle. Gli insegnerà a mostrarsi per come sono, una nella dolcezza, l’altra nella simpatia. Mi sembrano così piccole e non pronte ancora per la prima elementare… Ma lo so sono sono sensazioni di una mamma apprensiva.

3_mg_7279

Nella scia di un nuovo inizio che per molti è emozionante fa al caso nostro la collezione Tiny Cottons AW16.

Sa di facce con il sorriso, strette di mano, frasi in segno di amicizia, chiede ai bambini di essere se stessi con le proprie emozioni, espressioni e sentimenti. E questa collezione più di tutte mi conquista.

Tessuti morbidi, qualità eccellente data dal cotone pima, design creativo e divertente in tutti i capi di abbigliamento. Dai leggins ai cappelli, dalle sciarpe alle felpe. In tutta la collezione si respira la voglia di essere amici con le emozioni che ne seguono.
Mostrami la tua faccia, fammi vedere di che pasta ed emozione sei fatto e io ti prenderò per mano e mi divertirò insieme a te, saremo amici nel rispetto delle emozioni e dei sentimenti di ciascuno di noi.

_mg_7292

Vestire I Versiliani: comodità, eleganza, Made in Italy. E io ritorno bambina…

image

Chi come me non comincia a scalpitare per un pizzico di vacanza estiva?

Ho voglia di mare, sole, estate, di bambini che si tuffano, di sorrisi di vacanze insieme, di raccogliere la frutta dagli alberi in giardino, delle colazioni in famiglia senza dover fare corse per i ritardi a scuola.
Ho voglia dell’ estate passata, quella dei miei figli tra la Versilia e l’isola d’ Elba, ho voglia di libertà, di profumi d’estate, di leggere un libro al sole, di isola.
Troppi desideri?

Ricordo le mie estati, diverse da quelle dei miei Three Little Pigs.

Quando ero come loro, le vacanze le immaginavo già dal mese di Febbraio, come del resto accade a Gregorio, e consistevano in lunghi mesi passati sulla stessa spiaggia, in Versilia, a fare corsi di nuoto insieme ad amici, a lunghe passeggiate sulla battigia mano nella mano con la mamma o con il babbo, a scampagnate in bicicletta, a riempirsi di foccaccine, a giocare con le amiche all’ elastico, a raccontarsi segreti nelle cabine dei bagni tipici del posto.

Ricordo sopratutto le domeniche, dopo la messa all’aperto, ci riunivamo a casa con amici e parenti a fare colazioni abbondanti e io e i miei fratelli giocavamo in giardino con gli amici del cuore che ogni domenica passavano da noi.
Giocavamo a nascondino, a bandierina, a calcio, a rincorrerci e a gareggiare in bicicletta lungo il perimetro esterno della casa.

La mia estate sapeva di albicocche, di casse di fichi arrivate per conto di mia zia, di braccialetti fai da te per rivenderli sul mare o fuori dal cancello di casa, di merende al cocomero, di ghiaccioli all’ amarena, di pic nic sotto le tende in spiaggia a mangiare pane arabo, pizza e crostate alla crema con fragoline di bosco.

Belli quei ricordi, belle mie estati in Versilia.

E oggi chi mi aiuta a ricordare con un po’ di nostalgia quelle corse di bambina, che facevo con un vestito di lino giallo e bianco calpestando margherite, è il marchio, nato quest’ anno, I Versiliani.

Amata e Roberta hanno dato vita ad una chicca nell’abbigliamento made in Italy caratterizzata da tessuti scelti con cura, da modelli pratici con un tocco di classicità e dal taglio sartoriale.

image

E’ uno di quei marchi che nascono per amore della Versilia, luogo che Amata e Roberta hanno cavalcato da bambine, poi da adolescenti e adesso come mamme.
Anche loro oggi come me, ritornano lì, in quei luoghi della nostra infanzia, per far vivere ai propri figli le dolci estati che ci hanno accompagnato con la comodità degli spostamenti in bicicletta, con le scorpacciate di focaccine, con le piste delle biglie disegnate sulla sabbia dai nostri sederi, con le avventure in patino alla ricerca delle meduse, con muraglie di castelli di sabbia a fermare le onde inferocite.

Quando hanno lanciato il marchio mi sono sentita subito catapultata in Versilia e nelle mie lunghe estati spensierate. Sarà per questo che ho amato subito I Versialiani!

Il disegno delle cabine bianche e verdi usate per il logo, i colori tenui della collezione, i modelli che ricordano un po’ come vestivo da piccola, mi hanno fatto chiudere gli occhi e rivivere le mie estati di 30 anni fa.
Ricordo che avevo il pigiama uguale ai miei fratelli di cui il pantaloncino era celeste e aveva l’elastico e ne ero affezionata, mi piaceva avere qualcosa uguale a loro, mi piaceva sentirmi comoda.
Ricordo che indossavo gonne e pantaloncini dai tessuti liberty, di colore celeste e giallo.

image

Con i Versiliani, Amata e Roberta aiutano le mamme a vestire i figli comodi mantenendo il gusto della classicità durante le calde giornate e notti d’estate. Lo fanno pensando ai loro figli che amano la praticità, lo fanno con classici bermuda e gonne dalle fantasie ricercate, con i pigiamini freschi e in puro cotone, tutti accomunati dallo stesso carattere distintivo, l’elastico in vita.

image

Sul sito i Versiliani, scegli il modello, scegli il tessuto, selezioni la taglia e hai creato i tuoi Versiliani.

Un acquisto semplice e veloce che renderà i bambini felici di sentirsi comodi nel giocare, correre e saltare.
Pigiami, pantaloni, gonnepantalone, bermuda, gonne e bloomers per bambini da 0 a 12 anni.
Un modo di vestire elegante nella sua praticità
.
Brave Amata e Roberta io vado ad ordinare i pigiamini…

Playtime 2016, tra curiosità, ricerca e creativita’: il mio momento di gioco.

‘Playtime’ è la ricreazione, il nostro intervallo a scuola, il momento di gioco per un bambino.
Cosa fa un bambino durante il tempo libero a scuola? Gioca, gioca a più non posso, o cerca di passare quel breve tempo a disposizione come più lo aggrada, in modo da riposare la mente, da distoglierla dalla concentrazione nell’apprendere. E il gioco per un bambino è tutto: sicurezza, apprendimento, eccitazione, logica, divertimento, concentrazione, creatività, fantasia, immaginazione e altro ancora.

Playtime racchiude tutto questo e io a Playtime ci sto bene come un bambino alla sua ricreazione, come un bambino nel suo momento di gioco, concentrato e creativo.
La mia seconda volta a Playtime Paris dove ho ritrovato lo stesso spirito entusiasmante, sospesa tra allegria, eccitazione e concentrazione.

Schermata 2016-02-10 alle 12.42.11

image

Grandi sorrisi, e volti che piano piano diventano familiari si identificano oramai nel marchio e si entra più in confidenza con la vera parte creativa. Mi piace passare di stand in stand ad osservare curiosa le novità dell’anno prossimo.

E di novità ce ne sono! Colori che oramai non sono solo per l’estate, comodità e tessuti di qualità, come la flanella in cotone organico. E poi? Ancora ‘boom’ dei marchi spagnoli, e sembra che la “Spagna abbia invaso la Francia”.
Molti marchi ispanici, sia nel abbigliamento che nel decòr. Belli, divertenti, creativi, d’ispirazione.

Un’ ampia sezione dedicata all’ organic for kids in continua espansione, tessuti in cotone felpato e più caldo per l’inverno, dai colori pastello alle nuance più scure, tutto centrato sulla qualità e sulla morbidezza.
In questo settore rimangono i miei preferiti: Gray Lable che propone una felpa ampia con cappuccio oversize, bellissima nel rosa; Bobo Choses e la sua collezione sempre pensata a far divertire i bambini dal tema ‘Come scomparire’; Noeser, tra i suoi capi mi conquistano i bloomers super morbidi e gli abitini con stampa ali d’angelo; Nadadelazos che propone una collezione tutta italiana con stampe pizza, pasta e pomarola, gondola e maschere veneziane; One we like, che non conoscevo, mi ha conquistato per la morbidezza del cotone e le sue stampe piene di grazia tra ballerine e polpi giganti. Le tute per il freddo di Annaliv con orecchie e codina imbottite in cotone organico, da impazzire!

image

image

Ci sono brand più classici sempre di qualità e in cotone organico come: Omibia, bellissima la collezione sopratutto per i suoi maglioni rigati in baby alpaca e per l’ abitino in flanella; Poudre organic, che propone una collezione di pochi pezzi con molte possibilità di abbinamento, dai colori caldi del senape e del verde bottiglia.

image

image

Per la lana il must è la lana merino e la baby alpaca. Tanti i marchi che propongono caldi maglioni merino, body e pigiami dalla tessitura fine, che lasciano respirare la pelle del bambino. Aumentano infatti i marchi che propongono lana di qualità, sia merino che baby alpaca, questo’ ultima, molto apprezzata per la sua leggerezza e le sue proprietà termiche.
In questa sezione si parla di: Esencia, Nui Merino, Ouef, Serendipity, Sisiouiouiyesyes, Waddler, Kalinka, Baby Alpaga, Minimalisma.

image

image

Abbandonata la sezione dell’ abbigliamento, con più o meno 300 marchi si passa all’home decor e la parte più frizzante e meno caotica, dove la mente si riposa un po’.
Tra i marchi segnalo, Camomille London e Cam Cam Copenhagen per la delicatezza nei colori e la qualità dei tessuti. Fenicotteri, pavoni e tucani nella collezione romantica di Scalae. I gessetti non polverosi di Jaq Jaq bird, le mensole in metallo con nuvolette e montagne di Tresxics, il bianco e nero di Chispum negli stickers, nei cuscini e nelle stampe.

junior_banner_CL013

3_Cam_Cam_Little_Gatherer_0

4942_cat_ADAPTA_470_470

Ovviamente questa è una mini selezione nella vastità di Playtime…

This is a tiny selection of the big world of Playtime Paris…

Playtime is funtime, a nice pause with no school and nothing to do, just have fun.
What does a child during free time at school? Play play play, making the most of what little freedom he has. Playing is everything for children, learning just as much as they do at school: safety, learning, excitement, logic, fun, concentration, creativity, fantasy, imagination, and more.

Playtime is about all of this. I’m good at Playtime and I’m enjoying every moment of my second chance to play. I have rediscovered it just as if it was the very first time. Playtime is a unique moment encapsulating everything that it is to be a child: the focus, creativity, excitement, suspense , intense concentration and the joy of every new discovery.

There’s nothing like the big grin of a child (and I feel like this), spreading across his face as he understands something, discovering it for the first time as though nobody else has ever known it before. As time goes on the discoveries get bigger and more complex, one idea leads to another… I can’t wait to see what next year will bring!

Big smiles and faces that slowly become familiar identify the brand and now we enter more familiar with the real creative part . I like to go from stand to stand curious to observe next year’s news.

Regali di Natale 2015. Firenze e l’online dedicato al bambino.

Più crescono e più trovo difficile la scelta dei regali per i bambini… Non so voi ma ricordo di quando i miei figli non avevano ancora capito la faccenda dei regali di Natale e non sussisteva la corsa all’ultimo minuto, non c’era la smania della letterina di Babbo Natale, non c’era il movimento del “sono io il più bravo del mondo” per ricevere più regali. Regnava tranquillità e io non mi dovevo scervellare per regali inimmaginabili…

Adesso ci sono pretese, esigenze fuori dal normale se non assurde come il mantello dell’invisibilità e la bambola che canta e balla a comando, insomma una cantante personale e un travestimento inesistente!

Aiuto.

E se avessi un neonato? Se fossi una mamma in dolce attesa? Se avessi un figlio o figlia di due/tre anni? Mi potrei sbizzarrire senza dubbio e invece quest’anno Babbo Natale proverà ad assecondare i Three Littel Pigs e la mia faccia si illuminerà di una luce sbiadita, di un piccolo grigiume ben mascherato il giorno dello scarto dei regali… Sicuramente verrò illuminata dal faro più potente nel vedere le loro faccette buffe sorridere di gioia e sbalordirsi di fronte alle loro richieste esaudite.

Eh già, era bello quando si pensava alla cameretta e a cercare qualche idea originale per arricchirla, oppure quando il pensiero del regalo era un massaggia gengive, un triciclo, un coniglietto per la nanna, una tutina, un golf caldo per passare il mese di gennaio e febbraio. Insomma un tempo ero alla ricerca di cose particolari, che non fossero commerciali. E quest’anno devo scendere a compromessi…
Ovvio che non potrò mai trovare il mantello dell’invisibilità e mi dovrò ingegnare per qualche altro travestimento che abbia qualche potere immaginario. Un giorno quando racconterò a mio figlio delle sue fantasie sarà bello fargli vedere il film ‘Il ragazzo invisibile’ di Gabriele Salvatores.

Oggi vi presento una piccola selezione con gli occhi di una mamma che non è alle prese con richieste assurde, dove la semplicità, l’eleganza, la fantasia, l’originalità e il gioco sono semplici da trovare.

La mia selezione guarda la città dove vivo, Firenze, e i suoi shop online dedicati al bambino, perché se come me non riuscite a fare un giretto tranquillo a fare shopping godendovi le atmosfere del Natale l’online vince sempre.

Clicca sulle immagini per vedere la board a tutto schermo.

Partiamo con Baby Bottega, il negozio di amore e design dove si è conquistati da tutto. Piccoli e grandi giochi, idee originali per tutti i gusti e una parte dedicata agli addobbi per le feste di compleanno e festività. La parte dedicata alla cameretta e allo spazio dei bambini vi conquisterà ne sono certa. Ma chi non conosce Baby Bottega e il suo delizioso negozio? Qui a Firenze è il “must to see and must to buy”. Via il Prato, 53.

Schermata 2015-12-09 alle 10.59.25

1. Quadretto To the Moon
2. Porta giochi Nobodinoz
3. Lampada Lightbox
4. Tenda Nobodinoz a zig zag bianco e nero
5. Ghirlanda colorata

Passiamo adesso da Family Nation. Shop online da oramai tre anni adesso è diventato showroom visitabile su appuntamento. Lo consiglio per l’attenzione alla qualità e al mondo dell’eco dedicato alla mamma e al bambino. Family è dedicarsi all pappa, al bagnetto, al gioco, all’ abbigliamento, alla mamma, al neonato, alla famiglia. Via Bolognese 49r.

Schermata 2015-12-04 alle 17.28.27

1. Copertina Fabulous Goose
2. Tutina Gray Label
3. Amido di riso Linea Mamma Baby
4. Lettore Mp3 Ocarina
5. Carte animali del bosco Wee Gallery

E Baboo kids lo coscete? Un laboratorio artigianale che è anche negozio dove si progettano camerette, lettini, giochi e spazi dedicati ai bambini, dove si producono abiti dai tessuti bio. Artigianalità, fatto a mano e design. Qui si produce con materiali naturali. Via Arnolfo 23,r.

Schermata 2015-12-04 alle 19.10.19

1. Contenitore gioco, gioco o libreria by Baboo Kids design
2. Gioco pesca di Moulin Roty
3. Trottola con disegni treno, Moulin Roty
4. Cucina in cartone Zoffas
5. Carte da allacciare Moulinn Roty

Ultimo e non da poco il negozio ‘cool for kids’ di Firenze. Sto parlando di Cup of Milk e della sua selezione di abbigliamento e accessori per neonati e bambini da perdere la testa. Stravaganza e gusto nell’ abbigliamento e un occhio colorato per gli accessori dei bambini. In Borgo Pinti 6r.

Schermata 2015-12-09 alle 11.00.09

1. Abito stampato e tazza Bobo Choses
2. Lampada Ice cream 25cmx11cm
3. Zaino Eggs and Bacon Hershel
4. Colori Playon Crayon
5. Tutina e giacca 1+In The Family

Che ne dite di fare una giratina online anche voi? Il Natale si avvicina…

Lo stile semplice e di carattere nella linea di abbigliamento firmata Mabo Kids.

Tessuti naturali, come il cotone e il lino per l’estate e la morbida lana per l’inverno e una collezione semplice tutta in tessuto organico.
Dagli States, le linee pulite e i tagli contemporanei ne fanno del marchio Mabo Kids uno stile unico, individuale e di carattere che non ha niente da invidiare ai grandi marchi francesi come Bon Point e Bon Ton e ad altri che stanno prendendo sempre più piede nel mercato del fashion for kids.

Una piccola collezione che nasce nel 2010 e decolla a tutti gli effetti con l’introduzione della ‘basic collection’ in cotone biologico. Magliette e pantaloni in cotone bio dal tessuto resistente e dai colori caldi e pigiami semplici e comodi caratterizzati da pois colorati come il rosso, il rosa, il celeste, il giallo.

IMG_3680_1024x1024

IMG_3780_1024x1024

Di questo marchio avevo già accennato in un’intervista tenuta per Moda Junior dove mi chiedevano i miei marchi preferiti.
Certamente Mabo Kids entra nella classifica dei cinque migliori per il rapporto prezzo qualità, per il design semplice, per i colori, per i costumini che in estate si vestono di stampe liberty, per i pigiami. Sono ad un passo dal clic facile per questa collezione.

yellow_dot_grande_Fotor_Collage

Vi consiglio di seguire il profilo instagram di Emily Mcmaster, ideatrice e designer di Mabo kids, per guardare con i vostri occhi bellissime foto che racchiudono la vita quotidiana di bambini che indossano il brand.

Emily prende ispirazione per le sue collezione da vecchi film pieni di classicità, dalle mode classiche per l’uomo e la donna, dai vecchi bauli di quercia che sua madre ha preziosamente custodito contenenti i vestiti che lei stessa indossava quando era bambina.
Gli elementi che per Emily non possono mancare nella collezione sono: la praticità e la comodità di movimento che un abito deve dare al bambino e la sua possibilità di essere indossato in ogni occasione, a scuola, al parco, ad una festa di compleanno; la naturalezza di un tessuto senza stravolgerne l’equilibrio.
I bambini crescono troppo velocemente, perché allora non vestirli con abiti belli e di qualità e cercare di avvicinarli ad uno stile che poi si porteranno sempre dietro?

image

Per il maschietto scelgo la camicia a quadri, il golfino senape e i pantaloni comodi nello stesso colore della camicia.
Per lei la camicia color naturale, la gonna di jeans con tasche big size per infilarci il pupazzo o la principessa del cuore, le scarpe allacciate stile college, l’abitino dal collo a punte in versione jeans. Pr il neonato la tutina in cotone bio tutta al naturale.
E voi? Avete un pezzo preferito targato Mabo kids? Difficile scegliere.