Planning fine scuola e centri estivi 2016 in città.

Photo_Jan_09_8_08_58_AM_grande.png

Ieri ho finalmente preso il calendario in mano e ho obbligato mio marito a fare un programma.
Lui i programmi non li fa mai almeno fino a quando non lo obbligo a sedersi e a ragionare insieme su quello che ci aspetta, almeno fino a quando non capisce che sto sclerando e ho bisogno di piccole certezze.
Io vivrei di programmi e di pianificazioni per non dover correre come una pazza, per cercare di gestire i bambini in modo sereno. I programmi mi danno quella sicurezza in più che mi fa vivere meglio. Questo l’ho preso da mio padre che domandava sempre ad amici e sopratutto a mia madre: “qual’è il programma?”. Amava fare programmi, per dedicarsi poi a tutto il resto con più tranquillità.

Così finalmente la mia ansietta da fine scuola e da organizzazione mese giugno è definitivamente cessata ieri sera.

Abbiamo optato per i centri estivi di danza e teatro e per quello di musica, spezzettati da lezioni di nuoto e una settimana di vacanza al mare. Un programma intenso condiviso soprattutto con Gregorio perché lui è il vero protagonista di questo giugno 2016 visto che le due nanette sono ancora alla scuola materna e finiranno la scuola più tardi.

E voi, avete già scelto qualcosa? Avete già prenotato qualche centro estivo? Avete già riempito l’agenda con scritte tipo dai nonni, dai nonni al mare, corso di…, pranzo al sacco ecc? Insomma un planning settimanale e mensile siete riuscite a farlo?

Io come al solito arrivo all’ultimo tuffo, ma anche questa volta ce l’abbiamo fatta e forse sarà più dura quando tutti e tre saranno alle elementari, ovvero il prossimo anno. Ho già pensato all’ agenda per il 2017 chiamata The Happinnes Planner (vedi prima foto) per una riflessione positiva mese dopo mese e per una tabella di marcia che mi semplifichi le cose rendendomi meno stanca e stressata.

Ma adesso ecco una piccola lista di centri estivi sulla città di Firenze divisi per categorie sperando possa esservi utile se ancora siete indecise su cosa scegliere. Care mamme siamo ancora in tempo ma il tempo stringe!
Un suggerimento però lo avrei…quello di scegliere il corso o centro estivo che più si addica alla personalità e alle attitudini di nostro figlio: ricordiamo che la scuola è finita e adesso per loro inizia il puro divertimento!

Per chi ama la musica:
• alla Scuola di Musica di Fiesole un appassionante centro estivo dove i bambini potranno cimentarsi in laboratori di orientamento musicale, appositamente strutturati in modo da consentire ai partecipanti un felice incontro con il mondo della musica. Nei giorni del corso, gli iscritti potranno conoscere e sperimentare sotto la guida dei docenti della Scuola di Musica di Fiesole tutti gli strumenti musicali adatti alla loro età e i docenti potranno rilevare le diverse attitudini di ogni allievo per consigliare adeguatamente, a fine corso, le famiglie riguardo all’eventuale scelta di intraprendere lo studio di uno strumento.
Per iscriversi ai corsi della Scuola di Musica di Fiesole è necessario effettuare prima la registrazione con i dati della persona che si vuole iscrivere a questo link.
Una volta registrati, inserire nome utente e password in alto nella barra verde e procedere con l’iscrizione al corso desiderato. Per bambini dai 5 ai 13 anni, alla scuola di Fiesole a San Domenico.

Per chi vuol giocare con l’inglese:
il Canadian Island propone attività ricreative di vario genere laboratori di arte, teatro, musica e cinema, escursioni, gite, sport e attività acquatiche, divisi per fasce di età. Si svolgono presso la sede di Firenze e in bellissimi agriturismi immersi nel verde delle colline toscane, dividendosi in centri estivi con pernottamento in cui i ragazzi trascorrono l’intera settimana con gli altri camper e centri estivi senza pernottamento, in cui svolgono le attività durante il giorno e la sera tornano a dormire a casa.
I Summer Camp giornalieri si terranno al Centro Sportivo al Trebbio (Località Molin del Piano – Pontassieve, Firenze) dai 7 ai 14 anni e presso la nostra sede in via Gioberti dai 3 ai 6 anni; mentre i residenziali alla Fattoria La Capitana a Magliano (GR) e all’Agriturismo Le Valli a Casciana Terme (PI).
In tutte le strutture, l’ inglese è protagonista grazie a insegnanti madrelingua e a solide relazioni che si instaurano tra i ragazzi e tutto il team. Imparare l’inglese a pochi km da casa in ambienti immersi nella natura, sicuri e confortevoli, oltre a divertirsi attraverso percorsi di arte, musica e teatro sono soltanto alcuni dei valori aggiunti del mondo Canadian Island.

Per chi ama ballare:
• alla Scuola di Danza Nijinsky ci si diverte ballando a ritmo di varie discipline. Un Centro estivo artistico e creativo per bambini dai 6 ai 12 anni. In via di San Romano 13 dal 20 Giugno al 15 Luglio. Guidati dalla maestra Virginia Villani e con l’ aiuto di vari artisti del panorama fiorentino, i ragazzi verranno inseriti in un percorso formativo e ludico attraverso diversi laboratori artistici. Danza, circo, scenografia, teatro sono alcuni dei laboratori che si svolgeranno all’interno della scuola. E’ previsto il pranzo alla Casa del popolo di Settignano, portone accanto alla scuola Nijinsky. Per info cliccate qui o scrivete a nijinsky.danza@gmail.com

Per chi ama lo sport:
• al campo di atletica Firenze Marathon in zona stadio, un programma ricco di attività per chi ama lo sport. Educazione motoria, atletica, tennis, pallavvolo, basket, calcio, rugby, tennis e ingresso in piscina. Una volta a settimana i bambini potranno andare in piscina presso la ‘Piscina Costoli’ sotto la completa supervisione degli istruttori. In più ci saranno la caccia al tesoro, il momento dei giochi da tavola, ping pong, calcio balilla, visione di un film, e laboratorio artigianale. Per bambini dai 4 ai 13 anni.

• al Cetro US. Affrico i centri estivi Multisport offrono ai ragazzi di età compresa tra i 5 e 13 anni un’opportunità di svago e ricreazione durante il periodo delle vacanze estive. Si tratta innanzitutto di un luogo di divertimento, dove si gioca, si condividono esperienze e si fanno nuove amicizie all’interno dell’impianto dell’U.S. Affrico in Viale Manfredo Fanti 20. Lo spazio è sicuro e completamente recintato e sorvegliato, dotato di moderne attrezzature sportive quali campi da calcio e calcetto, campi da tennis, campi da basket e pallavolo, oltre ad una rinnovata sala ambivalente con ampio palcoscenico, un nuovo ristorante ed un grande parco interno completamente ristrutturati. Le novità di questa’ anno sono: laboratorio teatrale, avviamento e perfezionamento del Tennis sui campi di terra rossa, ‘Around the world’ giochi e attività in inglese con Helen Doron English Firenze e Scacchi con i nostri Istruttori qualificati.

Per chi ama stare in acqua:
• l’esperienza pluridecennale nel nuoto di Tropos Club e le competenza nell’ambito delle attività motorie di “Bimbi in Movimento”, il campus è aperto a tutti i bambini dai 3 ai 10 anni con turni della durata di una settimana (dal lunedì al venerdì). Con 2 sale per l’attività motoria, due piscine, un campo all’aperto polivalente e impianto di climatizzazione, la struttura risulta particolarmente adatta alle attività estive. Le attività sono organizzate e gestite da personale qualificato (diplomati Isef, laureati in scienze motorie e specialistiche, tecnici federali delle diverse discipline) in maniera ludica e divertente. La giornata prevede momenti di attività sportiva e ricreativa intervallati da attività ludiche in piscina. Le attività inizieranno alle ore 9 e si concluderanno alle ore 17.30 (accoglienza dalle ore 8)
In alcuni giorni i bambini sopra i 6 anni si sposteranno a piedi nei vicini campi dell’U.S. Sales, distante 400m, per svolgere l’attività calcistica. Ad ogni iscritto sarà fornito un kit composto da 1 t-shirt, 1 pantaloncino.
Il servizio ristorante, pranzo e merenda, è a cura del ristorante interno a Tropos. Ciascuna settimana di camp si attiva solo al raggiungimento di n. 8 iscrizioni.

Per chi ama la robotica e la sperimentazione:
• “SCOPRO, IMPARO e LAVORO” con Il-laboratorio per bambini dai 6 ai 9/10 anni al museo ‘La Specola’. Cinque incontri dove i bambini avranno a disposizione, a gruppi di due o di tre, un kit Lego® Education WeDo con espansione ed un notebook, per costruire e programmare tanti robot diversi: il coccodrillo, il leone, la scimmietta, gli uccellini ballerini, il gigante che dorme, l’ aereo, la barchetta in mezzo alle onde, ecc… Un laboratorio di Robotica Educativa “full immersion” con l’obiettivo di offrire ai più piccoli “pillole” di robotica, di stimolare il pensiero creativo e la fantasia, di favorire il lavoro di gruppo ed il problem solving.

Spero di esservi stata di aiuto…

Vestire I Versiliani: comodità, eleganza, Made in Italy. E io ritorno bambina…

image

Chi come me non comincia a scalpitare per un pizzico di vacanza estiva?

Ho voglia di mare, sole, estate, di bambini che si tuffano, di sorrisi di vacanze insieme, di raccogliere la frutta dagli alberi in giardino, delle colazioni in famiglia senza dover fare corse per i ritardi a scuola.
Ho voglia dell’ estate passata, quella dei miei figli tra la Versilia e l’isola d’ Elba, ho voglia di libertà, di profumi d’estate, di leggere un libro al sole, di isola.
Troppi desideri?

Ricordo le mie estati, diverse da quelle dei miei Three Little Pigs.

Quando ero come loro, le vacanze le immaginavo già dal mese di Febbraio, come del resto accade a Gregorio, e consistevano in lunghi mesi passati sulla stessa spiaggia, in Versilia, a fare corsi di nuoto insieme ad amici, a lunghe passeggiate sulla battigia mano nella mano con la mamma o con il babbo, a scampagnate in bicicletta, a riempirsi di foccaccine, a giocare con le amiche all’ elastico, a raccontarsi segreti nelle cabine dei bagni tipici del posto.

Ricordo sopratutto le domeniche, dopo la messa all’aperto, ci riunivamo a casa con amici e parenti a fare colazioni abbondanti e io e i miei fratelli giocavamo in giardino con gli amici del cuore che ogni domenica passavano da noi.
Giocavamo a nascondino, a bandierina, a calcio, a rincorrerci e a gareggiare in bicicletta lungo il perimetro esterno della casa.

La mia estate sapeva di albicocche, di casse di fichi arrivate per conto di mia zia, di braccialetti fai da te per rivenderli sul mare o fuori dal cancello di casa, di merende al cocomero, di ghiaccioli all’ amarena, di pic nic sotto le tende in spiaggia a mangiare pane arabo, pizza e crostate alla crema con fragoline di bosco.

Belli quei ricordi, belle mie estati in Versilia.

E oggi chi mi aiuta a ricordare con un po’ di nostalgia quelle corse di bambina, che facevo con un vestito di lino giallo e bianco calpestando margherite, è il marchio, nato quest’ anno, I Versiliani.

Amata e Roberta hanno dato vita ad una chicca nell’abbigliamento made in Italy caratterizzata da tessuti scelti con cura, da modelli pratici con un tocco di classicità e dal taglio sartoriale.

image

E’ uno di quei marchi che nascono per amore della Versilia, luogo che Amata e Roberta hanno cavalcato da bambine, poi da adolescenti e adesso come mamme.
Anche loro oggi come me, ritornano lì, in quei luoghi della nostra infanzia, per far vivere ai propri figli le dolci estati che ci hanno accompagnato con la comodità degli spostamenti in bicicletta, con le scorpacciate di focaccine, con le piste delle biglie disegnate sulla sabbia dai nostri sederi, con le avventure in patino alla ricerca delle meduse, con muraglie di castelli di sabbia a fermare le onde inferocite.

Quando hanno lanciato il marchio mi sono sentita subito catapultata in Versilia e nelle mie lunghe estati spensierate. Sarà per questo che ho amato subito I Versialiani!

Il disegno delle cabine bianche e verdi usate per il logo, i colori tenui della collezione, i modelli che ricordano un po’ come vestivo da piccola, mi hanno fatto chiudere gli occhi e rivivere le mie estati di 30 anni fa.
Ricordo che avevo il pigiama uguale ai miei fratelli di cui il pantaloncino era celeste e aveva l’elastico e ne ero affezionata, mi piaceva avere qualcosa uguale a loro, mi piaceva sentirmi comoda.
Ricordo che indossavo gonne e pantaloncini dai tessuti liberty, di colore celeste e giallo.

image

Con i Versiliani, Amata e Roberta aiutano le mamme a vestire i figli comodi mantenendo il gusto della classicità durante le calde giornate e notti d’estate. Lo fanno pensando ai loro figli che amano la praticità, lo fanno con classici bermuda e gonne dalle fantasie ricercate, con i pigiamini freschi e in puro cotone, tutti accomunati dallo stesso carattere distintivo, l’elastico in vita.

image

Sul sito i Versiliani, scegli il modello, scegli il tessuto, selezioni la taglia e hai creato i tuoi Versiliani.

Un acquisto semplice e veloce che renderà i bambini felici di sentirsi comodi nel giocare, correre e saltare.
Pigiami, pantaloni, gonnepantalone, bermuda, gonne e bloomers per bambini da 0 a 12 anni.
Un modo di vestire elegante nella sua praticità
.
Brave Amata e Roberta io vado ad ordinare i pigiamini…

|Fuorisalone 2016 |Il design per bambini tra arte, arredi, gioco e prodotti bio.

Cominciata oggi la frenesia attorno al salone del mobile 2016.
Una settimana piena di eventi, aperitivi, presentazioni dove il mio interesse si focalizza su ciò che in città è legato al mondo del bambino.
Il kids design con le sue forme e i suoi suoi spazi, in un oggetto o in un progetto, ecco quello che accade in termini di design per bambini, questa settimana, a Milano, dal 12 al 17 aprile.

1. Arte e design da UNDUETRESTELLASTORE.

Cominciamo con il delizioso progetto di Unduetrestella a cura di Paola Noè dal titolo GROW Little: crescere sì, ma poco alla volta.

All’interno del piccolo spazio UnduestrellaSTORE si respira l’arte e il design per bambini con progetti tutti nuovi: dal lettore Mp3 per bambini 100% italiano di Ocarina al tavolo e gli sgabelli Circle del marchio scandinavo Small- Design; dagli animali in ceramica di Dodo Toucan alle creazioni delicate di Puella Petite per arrivare ad Origami la divertente capsule collection double face di design del vestito per bambini Bumoon.
Una vetrina visitabile per bambini e genitori, per conoscere pezzi unici dal fascino hand made, per ascoltare musica e canzoni, per leggere una storia di vita quotidiana, per provare bijoux preziosi in uno spirito di avventura tra arte e disgn.
Dove? Via Gian Battista vico, 1 Milano

GROW-LITTLE__card-LOW_oggetto_editoriale_720x600

2.Cameretta – design – funzionalità

NIDI torna ad essere protagonista del design per bambini in una location tutta sua, al civico 117 di Corso Garibaldi.
Il brand italiano propone soluzioni funzionali, creative ed originali nella progettazione di arredi e spazi per i più piccoli e presenta la sua nuova collezione di stickers, carte da parati, tappeti, tavoli e pouf.
Per curiosare ecco un’ anteprima di Valentina di @A Misura di Bimbo su steller.

nidigen1

Si parla ancora di spazio in termini di cameretta e di funzionalità con il brand Lago all’ Appartamento LAGO, Via Brera 30 Milano.
La nuova linea presentata è Kids&young che racchiude un progetto di alta qualità per le stanze di bambini e ragazzi dai 6 ai 30 anni, per accompagnarli durante tutto il processo del diventare adulti. Camerette trasformabili nel tempo, sostenibili, sicure.
Un progetto questo, dedicato allo spazio dei bambini e dei ragazzi focalizzato su arredi di qualità, colorati e semplici per vivere al meglio gli spazi in piena libertà con una particolare attenzione al design.
Un progetto che vede al suo interno la presentazione del Manifesto del toys design per dare uno strumento di orientamento teorico e pratico a tutti coloro che sono impegnati nella progettazione, produzione e distribuzione di prodotti e servizi per i bambini a cura di Luca Fois, direttore del Corso di Alta Formazione in Design del Giocattolo di POLI.design.
TAVOLE ROTONDE: – Il punto di vista del progetto, 12 aprile, ore 16.00 – 18.00 - Il punto di vista della produzione, 13 aprile, ore 16.00 – 18.00

LAGO_BECOMINGKIDS_01

LAGO-Becoming-Kids-UK1-151-38-VISTA-1

Da Teo Boutique invece e per gli amanti del metodo Montessori, una piccola selezione del brand Flowerssori, marchio di arredamento per bambini made in Italy che ha lo scopo di rendere i più piccoli sicuri e autonomi nei movimenti. Linee arrotondate e curvature che invogliano ad accarezzare i mobili, a scivolarci sopra. Da vedere in Corso Concordia, 9.

stores

Da Kdsgn|we were kids in via Pietrasanta, 14 l’ ambiente è allestito da Giorgia e Roberta di Le civette sul comò shop online di design per bambini.
Tra workshop sul design per bambini a cura di Ludum Enjoy e della Ludum Design School uno sguardo ad arredi a misura di bimbo e un focus sul nuovo marchio polacco Kutikai entrato a far parte del panorama arredo di Le civette.

11261493_787793271354611_2526969205323408537_o

Il marchio Cybex amplia la sua collezione di prodotti per bambini dedicata all’ On the go introducendo la Parents collection disegnata da Marcel Wanders. Una linea colorata di accessori e arredamento. 12 Aprile, via Savona 43, dalle 18,30 alle 21.

3. Gioco più Design.

Tra design e costruzioni da TONDOMONDO per creare insieme la città ideale.
Tondomondo, negozio di giocattoli eco compatibili, in collaborazione con Masstudio allestisce il proprio spazio-attività con una selezione di giochi MILANIWOOD a tema Design e Costruzione.
In via San Calocero, 27 i grandi e bambini si potranno rilassare prendendosi una pausa dal girovagare frenetico del Fuori Salone. In questo spazio piccoli potranno diventare gli architetti di domani tra costruzioni e workshop dedicati.

image

Woody Zoody nasce dall’immaginazione di Giulio Iacchetti e unisce dodici designer in una collaborazione che da vita ad una meravigliosa collezione di animali rigorosamnete in legno. Piccoli oggetti di design che diventano gioco nel loro aspetto astratto e richiamano quella dolcezza tipica dell’ essere bambini. Da Asap Store in Corso Garibaldi, 104.

image

4. Design e movimento.

Anche il passeggino diventa di design. E’ il progetto LET’S GO Kids che mette in mostra i più significativi passeggini di importanti brand inserendoli in un contesto minimal caratterizzato da manichini bianchi e grigi e pochi oggetti per far risaltare il colore e le forme dei prodotti in esposizione. Un evento curato da Assogiocattoli, l’associazione di categoria che raggruppa tutte le principali aziende del comparto giocattoli e prima infanzia. (Chicco Artsana, Brevi, Dorel/Quinny, I.Go Distribution/Greentom, Inglesina, Italtrike e Peg Perego)
Dove? Superstudio Più, via Tortona,27.

image002

5. Bio e Design.

Non poteva certo mancare una sezione dedicata alla sostenibilità e al concetto di Bio.
Con Biodesign4kids si vogliono racchiudere tre nuove realtà dedicate al mondo dell’infanzia con un’ attenta attenzione all’ ecologia e alle materie prime.
Tre punti di vista diversi con un obiettivo comune: i materiali.
Cocò design: biococcole per mamma e bambino nascee dalla passione di Roberta Galantino che dopo tante ricerche e sperimentazioni ha creato una linea di arredi e accessori con la collaborazione di numerose realtà artigiane.
eKoala: piatti, bicchieri e posate in bioplastica, 100% made in Italy e per la prima infanzia.
Bubble&Co: la cosmesi naturale per bambini, una forte passione per l’ecosostenibilità e il bio. Un modo per curare la pelle tutta al naturale.
Dal 12 aprile alle 9:00 al 17 aprile alle 20:00
Zona Lambrate Ventura, Via Massimiano 6/ Via Sbodio 9

api

gamma_scatola_ok

bubbleCo.

Anteprima fuori salone | 12-17 Aprile | Milano – KIDS Design Week | #KDSGN We were kids

Ci avviciniamo alla design week milanese che si terrà dal 12 al 17 Aprile .
Questa edizione prevede un programma ricchissimo di eventi e sezioni dedicate al kids.
Ma cominciamo per gradi!

38b10a_86bea55105cc449a8208b477d822125a

Chi ama il mondo dei laboratori come me e del design per bambini in termini di creatività e progettazione non può certo farsi sfuggire l’ iniziativa KDSGN_ we were kids dedicata proprio all’ approccio creativo dei più piccoli e ai loro desideri.
“Giocare con il Progetto” valorizzando i desideri dei bambini si scoprono spunti inaspettati per studiare nuovi metodi di progettazione.

#KDSGN si legge Kid Sign e intende sottolineare che solo superando le certezze tipiche dell’età adulta, è possibile creare “il nuovo” attraverso l’alimentazione del desiderio.

Un progetto creato in collaborazione con Ludum Design School e il supporto scientifico di Francesco Schianchi e Carmelo Di Bartolo per mettere in relazione la progettazione (tema cardine della Design Week) e la polisensorialità (approccio pedagogico di Ludum Design School), così da creare un’opportunità di crescita e sviluppo per i bambini e per i grandi.

design_week_dei_bambini_01-702x336

Ogni giorno presso la Ludum Enjoy di Via Pietrasanta 14 dal 12 al 17 Aprile i bambini potranno affrontare temi diversi spinti dalla loro curiosità e fantasia:

La cameretta che vorrei con l’interior designer Simona Marzoli;
il giocattolo che vorrei guidato da Carmelo Di Bartolo, industrial designer, presidente di Design Innovation, direttore scientifico di Ludum Design School, e Federico Ramponi, creative e strategy designer, docente di Creatività e Progettazione allo IULM e responsabile area design di Ludum Design School;
il regalo che vorrei regalare condotto da Luca Fois e Federico Cauro, rispettivamente Direttore e Professore del Corso in Design del Giocattolo del Politecnico di Milano;
l’abito che vorrei con Irene Pollini Giolai, Docente di Metodologia progettuale della comunicazione visiva allo IED di Roma.

Suddivisi in gruppi di lavoro i piccoli progettisti saranno guidati da tutor e professionisti di settore, creeranno dal niente un oggetto o si dedidecarro ad un progetto che poi verrà presentato ai genitori.

Durante il week end invece, 16 e 17 Aprile, i laboratori creativi saranno gratuiti:

lab Palloncini sonorialla base della baloon art di Jour De Fete, – Che rumore fa un palloncino in tempesta?
Kaori Origami – Che profumo ha un origami? L’architetto Silvana Fusari coinvolgerà i bambini in un origami gigante, modulare e profumato…
Lola Slug: disegna il tuo font a cura di Giulia Olivares per trasformare un alfabeto “fatto a mano” in un vero e proprio font funzionante ovunque… Anche sul tuo computer!
Costruiamo insieme i nostri toys – Satelliti galleggianti – dal mare allo spazio a cura di Alessandra Botto per provare a immaginare nuove forme, nuovi giochi, utilizzando materiali recuperati su una spiaggia segreta della Liguria.
Pattern-à-Manger – Fantasia golosa e i ‘dolcipastricci’ a cura di Pastry&Kids,
Radio Ocarina, fiaba di famiglia – Incidiamo la vostra storia sonora, laboratori e attività musicali,
Truccabimbi DIY e sculture di palloncini proposto da il Mondo di Meg – Impariamo come fare il truccabimbi,
XXSmall organizzato da arKIDStecture – Una casa da indossare. Un abito per abitare. Esplorando l’architettura come rifugio di un abitante, oppure come occasione per comporre il paesaggio. Uno strumento per percepire il mondo attorno a noi: la luce, i profumi, le brezze e i suoni…
Cammina, cammina… – Un ponte ci avvicina!Com’è fatta la città dei bambini? Saranno loro a deciderlo. Ponti, strade e case fantastiche realizzate con costruzioni di legno progettate dagli architetti di “arKIDStecture”.

A fare da cornice al tema del ‘progetto’ Giorgia e Alberta di Le civette sul Comò, e-shop per i più piccoli con un occhio attendo al design per bambini, ci porteranno a toccare con mano il vero design per bambini, quello che lascia a bocca aperta grandi e piccini, con un insieme di prodotti provenienti da diversi Paesi. Per tutta la durata dell’ evento #KDSGN all’interno di Ludum Enjoy, saranno esposti alcuni pezzi dal carattere decorativo e ludico, finalizzati a decorare l’ambiente, ma anche a renderlo funzionale e divertente, all’insegna della polisensorialità. Una novità da vedere in questo ambito è il il marchio Kutikai. Forme semplici, pescate dall’architettura e applicate al design, con legno di qualità ecologico e lavorato in una falegnameria di famiglia, in Polonia.

1_04_kutikai_roof collection _light

90bc1571cda7cbd122d898fc44d7a7d3

Tutte le info le trovate qui.
Indirizzo: Ludum Enjoy, via Pietrasanta n.14, 20141 Milano
Telefono: +39 3477129 086
Email: info@kidsignmilano.com
Web: www.kidsignmilano.com

La libreria per bambini che cambia l’ approccio alla lettura. Libreria frontale Tidy Books.

image

Sinceramnete non so perchè ci ho messo così tanto ad optare per una libreria frontale! E’ sempre stata una di quelle cose che avevo in testa mentre pensavo e rivoluzionavo continuamente le camerette dei miei figli.

Guardavo sempre con sconforto quella micro libreria, un po’ tristina, che più che una libreria definirei ‘accatasta libri’, dove non si capiva mai quali libri ci fossero, che non invogliava mai le mie figlie a prenderne uno… Solo la sera, al momento della lettura della buona notte, tiravano fuori le opzioni da scegliere. Nel caos e nella difficoltà di trovare il libro preferito, o quello lasciato a metà dalla sera precedente, si perdeva la voglia, cominciavano gli sbuffi serali di fine giornata.

Spesso mi dicevo che avrei optato per le mensoline Ikea appoggia foto e libri da posizionare una sopra l’altra, ad altezza bimbo per facilitare la visibilità dei libri e stimolarne la lettura e l’ autonomia, poi la pigrizia e la difficoltà nell’essere precisi a posizionarle in modo simmetrico mi hanno fatto desistere…

Finalmente mi sono decisa perché ho visto lei, conosciuta all’interno dello show-room Family Nation! L’ho guarda, l’ho studiata bene e ho scelto la versione più pulita, in bianco, perché quella che a mio gusto sta meglio in camera delle bambine. Ma è bellissima anche quella color naturale!
La libreria può essere personalizzata con il nome del bambino o semplicemente arricchita con lettere colorate.

image

La libreria Tidy Books è in diversi colori, dal rosa all’azzurro al bianco e al naturale, è pratica perché di dimensioni perfette nella sua profondità, non prende troppo spazio, leggera, facile da montare, fissabile al muro per bambini piccoli o semplicemente appoggiata alla parete per bambini più grandini. La sua capienza è ottima, e i libri sono facilmente sfilabili e la montagna di libri ritorna facilmente in ordine.
E’ un ottimo mobile per arredare la cameretta e per facilitare i bambini alla lettura, ma è anche un ottimo arredo in qualsiasi punto della casa!

image

image

Ho voluto fare delle foto con le bambine, per farvi capire bene le dimensioni, il suo minimo ingombro e come si possa facilmente ricreare un delizioso angolo lettura, per un momento di relax, per un momento di gioco tranquillo.

Finalmente hanno la loro libreria frontale, il loro gioco-lettura fatto di stimoli, autonomia, condivisione. Facili da prendere e facili da rimettere, i libri diventano un bellissimo mondo fantasioso da esplorare.

3pigsmarzoprova

image

Capita che le trovo a prendere un libro, a turno o insieme o con il fratello al quale supplicano una lettura.
Ecco, a lui non va tanto giù che la libreria Tidy Books sia in camera delle sorelle, anche lui l’avrebbe voluta, anche lui vorrebbe il suo angolo lettura al posto del letto sul quale sdraiarsi prima di andare a dormire.
Magari un giorno la libreria sarà condivisa in una parte della casa, ma oggi rimane lì per far avvicinare di più le due nanette alla lettura, visto che la cameretta è il loro posto preferito della casa…

image

Se avessi avuto una cucina più grande, con uno spazio adatto dove inserirla, mi sarebbe piaciuto averla lì, e pensare al mio momento ai fornelli mentre i miei Three Litte Pigs sfogliano libri adatti a loro e io sfilo dalla libreria Tidy Books il libro di ricette della nonna con i grandi segreti della tradizione culinaria emiliana.

image1

image2

La felicità ha le smorfie!